Login
  • Font size:
  • Decrease
  • Reset
  • Increase

Sports

Il 16 aprile prossimo la città della Volkswagen, “Macchina del popolo” , Wolfsburg, “Castello del Lupo”, ospiterà il Napoli, il cui emblema è notoriamente il “Ciuccio”

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
C’è un filo rosso che lega tutti questielementi. Il lavoro dell’uomo:tedeschi e Gastarbeiter, “lavoratori ospiti” italiani e di altre nazionalità, insieme nel costruire la grande nazione tedesca.Il mondo animale: il lupo, animale sociale, d’istinto gregario che basa sulla cooperazione la sua sopravvivenza, mentre il ciuccio, umile ed instancabile, sopporta grandi fatiche. Il gioco del calcio: metafora della vita e dei suoi ideali, del conflitto e del rispetto delle regole, della pace e non della guerra.
I Verdi del Wolfsburg e gli Azzurri del Napoli, il 16 aprile nell’Arena Volkswagen, sapranno degnamente rappresentare la storia calcistica ed umana, nazionale e territoriale, in una leale gara sotto l’egida dell’Europa League e per dare ancora una volta, con lo sport, il contributo alla pacifica convivenza di popoli e culture nel mondo.
Questa occasione risveglia nel sociologo Antonio Castaldo la personale memoria di Wolfsburg, di quando ventenne scorrazzava per l’Europa: due anni, 1978 e 1979 in Germania, con il lavoro sulla catena di montaggio della Volkswagen che coglieva il successo della Golf dopo quello del mitico Maggiolino. Lavoro e benessere hanno fatto e fanno da potente calamita per i flussi migratori soprattutto del Meridione d’Italia.“I primi italiani,-afferma il sociologo Castaldo-giunsero nella zona del Niedersachsen, Bassa Sassonia, nel 1906 per lavorare nelle miniere di carbone di Fallersleben, poi per incrementare la costruzione della Volkswagen voluta da Adolf Hitler, 1938, ed ancora  dopo la Seconda Guerra Mondiale alla riapertura della fabbrica per il lavoro sulla catena di montaggio. Nel 1962 il primo numeroso contingente giunse tra il 16 ed il 17 gennaio a Wolfsburg per la VW-Werk la fabbrica del Maggiolino.Oggi sono oltre 500.000 gli italiani in Germania. La Volkswagen Arena, con i suoi 30.000 posti, sorge sullo stesso spazio dove fino al 1977 esisteva il villaggio di baracche di Berliner Brücke ,dal nome del ponte sul Mitteland Kanal. Qui sorgeva quell’insediamento abitativo, indicato come Klein Neapel, Piccola Napoli, dove vivevano 4000 emigranti italiani. Il campetto di calcio venne inaugurato nel 1963, per il tempo libero e per i primi eroici campionati, una storia che oggi continua con la USI Lupo-Martinisquadra di calciatori italiani nella Oberliga, corrispondente alla nostra serie D.L’attualit -conclude Antonio Castaldo- ci consegna la squadradel Napoli che, come tante comitive migranti, va a cercare fortuna all’estero, sperando di rafforzarsi nello spirito vittorioso, dopo la ripresa registrata nel campionato casalingo, nell’incontro con la Fiorentina, da  consolidare prossimamente con il Cagliari come chiedono De Laurentiis e Benitez. Ma ora godiamoci i quarti di finale dell’Europa League con la migliore delle aspettative: Il ritorno a casa da vincitori”.

comments

More articles from this author

Social Web

WEB TV BRUSCIANO

Newsletter

Sponsored Ads

yt framworkyt framwork

yt framwork

COMUNICAZIONI E PUBBLICITA'

Per la tua pubblicità sul sito e giornale cartaceo puoi contattarci: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se volete comunicare qualcosa alla redazione de L'Ambasciatore utilizzate il nostro indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per richieste o comunicazioni di carattere tecnico riguardanti il sito potete scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per le lettere al giornale o al direttore potete scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DISCLAIMER

Yt FrameworkIl Giornale cartaceo e il sito d'informazione non hanno fini di lucro. La collaborazione è completamente gratuita, sotto qualsiasi aspetto, compresa quella della Direzione e Redazione.

PERIODICO DI INFORMAZIONE

Yt FrameworkRegistrazione al Roc del 11/06/2009 con numero 18394 - Registrazione al Tribunale di Nola del 21/05/2010 con numero 6/2010 - Direttore Responsabile Antonio Martignetti - Capo Redattore Teresa Anna Iannelli - Editore Associazione "La Città Invisibile" -

Contatti

Contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'Ambasciatore utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di "terze parti", che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell'utente - Per tutte le informazioni a riguardo dei cookies in uso clicca su Privacy Policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information